Archivio | musica RSS feed for this section

Ascoltando The piano di Michael Nyman

16 Mar

Vola il ricordo della danza
della spiaggia
nel luogo avverso
nemico -troppo caldo
troppa pioggia e fango –
una donna decide il silenzio

Alla radio ascolto Francis Poulenc

16 Dic

In cucina ascolto Francis Poulenc alla radio
lo sguardo cade sulla finestra –
la musica illumina e dà finalmente
senso alla nebbia rada
alle chiazze di ghiaccio nel prato
ai fasci di luce nel cielo –
è un insieme che non ha bisogno
di spiegazioni e dettagli –
è musica e natura –
una visione che restituisce un significato al mondo –
intuisco che quello che chiamiamo mondo
non ha un senso fuori di sé.

 

Ascoltando le variazioni Goldberg

27 Dic

Variazioni di variazioni
nella chiesa
al freddo
variazioni –
sulle pareti affreschi
ma le note del piano
non rimangono
qui –
anche se gli affreschi
sono così belli
che c’è un orario preciso
per venire a vederli –
è che le note del piano
escono
anche se ora
è già notte
preferiscono andarsene in giro
non stare qui con noi
al freddo –
le note sono magnifiche
il pianista bravo
ma io non me ne intendo –
però mi sembra un po’ scolastico
del resto è tanto giovane –
e poi sembra andar di corsa
forse ha freddo
come noi che lo ascoltiamo

Ascoltando Bob Dylan in Mississipi

8 Dic

La sua voce
così vecchia
così roca
quel vetro
terrificante
della sua gola –
che meraviglia

Improvvisazione ascoltando “When He Returns” di Bob Dylan nel sito di Maggie’s farm

24 Feb

Da luoghi lontani arriva la voce
ed è emozione
pura di cuore
ci crede a quello che dice-canta
a quello che crea
ci crede
è suo
è roba sua
ci spera nel Suo ritorno –
tutti speriamo in un ritorno
tutti abbiamo uno, due ritorni
che vorremmo
ognuno ha i suoi –
Bob vuole il ritorno di Cristo –
chissà se Bob ha mai letto
“Il grande inquisitore” ne I fratelli Karamazov
( “perché dunque sei venuto a darci impaccio?”)
non tutti, secondo Dostoevskij
vogliono il ritorno di Cristo –
Bob sì
e le sue parole sono così piene di speranza –
chissà se ora ci crede ancora

Dicono di Dylan

31 Gen

Dicono che Dylan
suoni il piano da dilettante
“anche se negli ultimi tempi è migiorato”
e che suoni male anche la chitarra
poi la voce…non a tutti piace
e poi c’è il Nobel…
figuriamoci, la sua non è neanche letteratura –
ma allora cos’è
che fa esaltare chi lo ascolta?
(anche se certi testi
sono proprio difficili –
certi io non li capisco
non ci trovo il senso,
il mio senso almeno) –
cos’è allora
che lo fa star lì sul palco da decine d’anni?
Cos’è che gli fa avere fans adoranti?
Solo carisma?
Tutto carisma?
Embè, anche fosse?
è una gran cosa se fa bene alla gente

Una strada nella nebbia

14 Dic

strada-nwbbiosa

Sono in auto
e vado per una strada
una strada nella nebbia –
e ascolto Not dark Yet –
romantico Dylan
come questa nebbia della bassa
che in fondo amo
che potrebbe essere
una strada del suo Minnesota
(se c’è mai la nebbia)
o una strada di Kerouac
che se fosse arrivato a 75 anni
avrebbe quella voce
roca di vita

L'Orto di Rosanna

Diritti D’autore In breve: potete citare senza alterare, senza fini commerciali e riportando la fonte.

Chic After Fifty

Il fashion blog di Anna da Re

Convenzionali

Vediamo un po'...

Paolo Ferrucci

Analyst and Writer

libroguerriero

se non brucia un po'... che libro è?

Traduco Canzoni.

Portiamo parole straniere ad orecchie italiane. Un album per ogni post. Qualsiasi genere, anche quelli che non vi piacciono. Tradotti bene eh, mica con Google Translate. Per cercarle c'è un bel link là sopra, che qua non mi fa mettere una ceppa.

Gesù per atei

Il blog personale di don Fabrizio Centofanti

La poesia e lo spirito

Potrà questa bellezza rovesciare il mondo?

D.O.

Bio: ci sto lavorando

Tuffi

Una rivista che ti porta in profondità

PARLA DELLA RUSSIA

I took a speed-reading course and read War and Peace in twenty minutes. It involves Russia.

Remo Bassini

altriappunti

wwayne

Just another WordPress.com site

Giuseppe Genna

scrittore in Milano, Mondo

Solo libri belli

Leggo. È come una malattia. (Agota Kristof)