Archivio | maremma RSS feed for this section

Poesie maremmane 2017

2 Ago

Parco dell’Uccellina

L’arsura
è una nebbia sottile –

vela la mandria
nel campo grande

Spiaggia Le Marze (Grosseto)

Dopo le sei di sera
l’orizzonte

è una sola nube
rossa trasparente chiara
come di incendio domato –
di lato la spiaggia
è aria spumosa d’alte onde –
un’afa di nebbia
come a Copacabana
dove non son mai stata
 

Annunci

Alberese luogo dell’anima – poesie maremmane luglio – agosto 2016

16 Ago

Campagna di Alberese

31/7/2016

Ho desiderato così tanto d’essere dove sono
in Maremma, in questo viale d’Alberese
con davanti a me le colline boscose
del Parco dell’uccellina
che ancora mi sento chiusa
in quel pensiero e in quel desiderio
anche se sento i miei passi su questo viale
e ho davanti a me quei boschi
che attraversi in bicicletta e arrivi al mare –
e passi in mezzo a lecci e pini
con i cavalli, le vacche maremmane
e se sei fortunato vedi una volpe
o un cinghiale o un daino
oppure solo sotto i tuoi piedi
aghi di pino

***

31/7/2016

Viale d’alberese

Dov’erano i cavalli
è un gran campo vuoto

***
mare 17

2/8/2016

Mattino, Marina d’Alberese

Il cielo
che si butta nel mare

***

Spiaggia d’Alberese

All’orizzone
vicino all’isola
una striscia blu –
lì dei pesci è il mare

***

Alberese un tempo
era la spiaggia dei frikkettoni –
li vedi a volte
li riconosci dallo sguardo –
hanno l’aria annoiata
di chi il momento magico
l’ha già vissuto

***

3/8/2016

Alberese

I primi due giorni
li vivi dall’esterno –
sei confuso
dalla bellezza sì
ma ci stai fuori –
dopo è casa tua

***

Sotto il sole del mattino

Aria calda, odor
di qualcosa di troppo maturo
in quell’orto
fresco di foglie
sotto ilsole del mattino

***

Voce del vento

Il vento
che sembra il mare

Vacche, tori e vitelli

5 Ago

pascolo uccellinaFoto di Dianella Bardelli
pascolo brado del Parco
dell’Uccellina

E poi verso le sette
che il sole dei turisti
ancora brucia
vacche, tori e vitelli
si mettono lentamente
in fila
verso un loro luogo
che non è più
questo pascolo brado –
procedono in fila
distanziati
ancora un pò brucando –
quando si fermano
immobili diventano
come statuine bianche
del presepe vivente
che sempre è la Maremma

Pista ciclabile nel Parco dell’Uccellina che da Alberese porta al mare

16 Lug
pista ciclabile nel parco dell'uccellina che da Alberese porta al mare

pista ciclabile nel parco dell’uccellina che da Alberese porta al mare

Occupa tutta l’aria

18 Lug

Occupa tutta l’aria
il frinire chiassoso
delle cicale –
poi si smorza
diventa più lontano
più quieto –
un sottofondo –
poi più niente –
solo un lieve cinguettio

che chiama al silenzio

Alberese

15 Lug

Viale di pini
in una trance
di vento, terra rossa
vigne
olivi
il mio io che poco c’è
cammina

Pascoli maremmani

29 Lug

   Passcoli maremmani –
la mandria sparsa e rada
lo spazio aperto, grande
secco sotto il sole di luglio –
come l’antica gialla steppa
russa di Pasternak –
lontano alzan polvere
i cavalli cosacchi

libroguerriero

se non brucia un po'... che libro è?

Remo Bassini

ALTRI APPUNTI

wwayne

Just another WordPress.com site

Solo libri belli

Leggo. È come una malattia. (Agota Kristof)

8th of May

wild cats walk longer

F.L.A.C.O.N.S. 2.0_

Moved to www.sergiomauri.info

la vie en beige

la periferia dello spirito

Versodove

rivista di letteratura

OH!PEN

we produce stories. LA-ROME-NYC

HyperHouse

NeXT Hyper Obscure

gilamagency

giovanni lamanna agenzia letteraria

archiviomauriziospatola

Pubblicazioni ed eventi sulle nuove esperienze poetico-artistiche

sarmizegetusa

un blog di vanni santoni

VITA DA EDITOR

Interviste, recensioni e retroscena dell’editoria – a cura di Giovanni Turi

Cadillac

La famosa rivista letteraria

Seventy Sex

Make love, not war, dicevamo. Lo dico ancora.

L'Ombra delle Parole Rivista Letteraria Internazionale

L'uomo abita l'ombra delle parole, la giostra dell'ombra delle parole. Un "animale metafisico" lo ha definito Albert Caraco: un ente che dà luce al mondo attraverso le parole. Tra la parola e la luce cade l'ombra che le permette di splendere. Il Logos, infatti, è la struttura fondamentale, la lente di ingrandimento con la quale l'uomo legge l'universo.