Archivio | pittura RSS feed for this section

Alla mostra di Joaquìn Sorolla a Ferrara

18 Apr

Reale e fantastico insieme –
è l’arte come deve essere
quando è arte –
il fantastico che c’è nel reale
solo l’arte lo vede
(Maria vestita da contadina valenciana 1906) –
la vita è luce e ombra
nette, separate
0 c’è l’una o c’è l’altra
( I giardini del palazzo reale di Granaia 1907) –
agave e roccia rossa
altro non c’è nel mondo
( la casa dei gitani a Sacramonte 1910) –
d0v’è la Madonna?
sparita
tra l’arazzo e i broccati
e i cristalli trasparenti
( la processione della Vergine della valle 1914) –
dietro di lei che luce!
alba e tramonto insieme –
insieme è luce più del viso
( Jaquina la gitana, 1914) –
certi quadri sono luce sbiadita
quasi trasparente –
c’è un velo davanti alla luce –
come in Morandi.
I quadri sono nel suo sguardo
è un mistero pieno di luce che non si svela –
colori della mente
le cose dentro le cose
cosa sprigionano?
nuova luce vecchia ombra
senza alberi
arbusti
o cipressi
è più mistico il quadro
e ti ci perdi, come in Morandi

( http://www.palazzodiamanti.it/1075)

Annunci

Improvvisazione su: I quadri di Sandro Chia alla mostra al Foro Boario di Modena

26 Gen

Colori, rivisatizioni. Evoca altri colori, altre forme, altre epoche. C’è l’attesa, l’umana maschile attesa, intorno la natura
che se ne va per conto suo, che non aspetta, non giudica, circonda a sua insaputa questa umana attesa che lei ignora. Questo
ci vedo. C’è una bellezza di umane forme, un ordine insomma, acheo, greco, spartano per via della dignità, ma non c’è guerra, scontro, lotta. E’ guardarsi intorno, è presenza mentale, come nell’umana meditazione. Intorno il selvatico mondo naturale. Lui, l’uomo
non ne fa parte. La donna sì, perché sviene e si muove sensuale nei fuochi degli incendi. E’ gazza e ladra mentre l’uomo pur pirata e guerriero dorme.

la pittura di Chia:
gli uomini fermi
che guardano
e aspettano –
il movimento intorno –
attesa, estraneazione, malinconia –
c’è un pensiero
un’intuizione
intorno brucia
e crolla il mondo –
guardinga:
se dormi
qualcosa ti rubo

Nevinson, Uno studio a Montparnasse ( Palazzo Diamanti a Ferrara)

11 Gen

Il mondo immenso
fuori –
altro dal chiuso
della stanza scura, rossa
come l’interno di un corpo umano
come il suo cuore,
dico della casa –
il mondo fuori
oltre la grande vetrata
troppo chiaro, bianco
di case troppo alte
dove fa freddo –
dentro invece si sta
come nudi al sole

Davanti a De Chirico, Due figure mitologiche ( 1927) – Palazzo dei Diamanti di Ferrara

30 Dic

Nel sepolcro
due corpi blu –
nè statue nè figure vive –
cambiano continuamente colore
strisce gialle,
verdi,
sfumature rosse –
un De Chirico psichedelico –

la posa delle gambe, delle braccia
è di corpi in attesa
i visi rivolti
ad un cielo ormai perduto
oltre una porta che sta per chiudersi
per sempre –
il loro ossigeno
sta pe finre
sono gli ultimi respiri
scampoli di vita –
l’oltre di lei
non è il qui di lui

Davanti al quadro di Moise Kisling: La rossa

27 Dic

Bocca piccola
storta, rosso fuoco –
in un gesto di diniego
rifiuto, un accenno d’odio –
occhi come laghi
fissi come quelli di un gatto stanco –
esangue nel corpo
occhiaie accennate
ma non troppo

Parla della Russia

I took a speed-reading course and read War and Peace in twenty minutes. It involves Russia.

libroguerriero

se non brucia un po'... che libro è?

Remo Bassini

ALTRI APPUNTI

wwayne

Just another WordPress.com site

Solo libri belli

Leggo. È come una malattia. (Agota Kristof)

8th of May

wild cats walk longer

F.L.A.C.O.N.S. 2.0_

Moved to www.sergiomauri.info

la vie en beige

la periferia dello spirito

Versodove

rivista di letteratura

OH!PEN

we produce stories. LA-ROME-NYC

HyperHouse

NeXT Hyper Obscure

gilamagency

giovanni lamanna agenzia letteraria

archiviomauriziospatola

Pubblicazioni ed eventi sulle nuove esperienze poetico-artistiche

sarmizegetusa

un blog di vanni santoni

VITA DA EDITOR

Interviste, recensioni e retroscena dell’editoria – a cura di Giovanni Turi

Cadillac

La famosa rivista letteraria

Seventy Sex

Make love, not war, dicevamo. Lo dico ancora.