Tag Archives: Bob Dylan

Dicono di Dylan

31 Gen

Dicono che Dylan
suoni il piano da dilettante
“anche se negli ultimi tempi è migiorato”
e che suoni male anche la chitarra
poi la voce…non a tutti piace
e poi c’è il Nobel…
figuriamoci, la sua non è neanche letteratura –
ma allora cos’è
che fa esaltare chi lo ascolta?
(anche se certi testi
sono proprio difficili –
certi io non li capisco
non ci trovo il senso,
il mio senso almeno) –
cos’è allora
che lo fa star lì sul palco da decine d’anni?
Cos’è che gli fa avere fans adoranti?
Solo carisma?
Tutto carisma?
Embè, anche fosse?
è una gran cosa se fa bene alla gente

Ascoltando Not Dark Yet di Bob Dylan

1 Dic

Sono le 16,48
e oggi sono un po’ triste
ma fuori c’è un rosa che rincuora –
che però sfuma e fra un po’
come tutto
se ne andrà –
e ascolto anche quella di Bob
di tristezza che canta la sua Not Dark Yet
e guardo in Maggie’s Farm
la traduzione italiana
e mi sento nel luogo profondo
della tristezza –
leggete e ascoltate Not Dark Yet
per piacere –
chi dice che Bob non è un poeta?
anzi ora si dice che non lo è abbastanza
lo è, ma solo un po’
ma non abbastanza –
ascoltarlo in Not Dark Yet
è guardare la mia-sua tristezza –
poi l’ultima nota
e il frinire del computer

 

Allen Ginsberg su Bob Dylan

18 Nov

 

“Si può fare arte con un Juke-box? Bene, Dylan ha dimostrato che è
possibile” (Allen Ginsberg, 1968)

Beato te Bob che puoi fare quello che ti pare

17 Nov

Beato te Bob che puoi fare quello che ti pare
se uno, uno solo al mondo
può fare davvero quello che gli pare
ma beato lui-
non è spocchia
neanche superbia
non sono una fan sfegatata
annichilita, scema
ma lo invidio
anche io vorrei fare quello che mi pare
ma non posso
non posso quasi mai-
Se lui quel 10 Dicembre
ha un concerto
e non vuole deludere
quelli che si sono comprati il biglietto?
o mettiamo che invece
non abbia un concerto
ma semplicemente
un altro impegno
magari con se stesso
perché dovrebbe rinunciarvi?
Davvero qualcuno pensa
che uno come Bob Dylan
sia uno da scena tipo il film di Moretti
mi si nota più se vado o non vado?
Ma dai, parliamo di  Bob Dylan
uno che è da una vita
che è sull’onda del successo
dei premi, degli elogi
che è sulla cresta dell’onda
dello scrivere, suonare
cantare con quella voce
che è tutta da Nobel-
beato te Bob che puoi fare quello che ti pare

 

Dylan ti piace o non ti piace

31 Ott

Il coraggio di essere unico chi ce l’ha?
Io no
sempre questo bisogno di assomigliare
a qualcuno, qualcosa
anche solo immaginario immaginato
ecco, essere unico, io non sono capace
ma in lui lo vedo
e quelli che stanno a dire questo sì questo no
letteratura sì o no è assurdo –
inimitabile e poi emoziona
emoziona e ti prende il cuore
e te lo porta a scrivere inventare
entrare in qualche altra parte
del tuo corpo-mente –
veicola ancora amore-pace
potere della voce
della voce
***

e poi c’è quella sua specie di noncuranza
cioè quella imperfezione
quel tipo di magnifica imperfezione
che hanno solo i grandi
quelli che se lo possono permettere –
e poi dico un’altra cosa
io che non capisco niente di musica
la band, ma si può essere più rétro di così?
E andrò a vedere chi sono –
e poi lui che canta ancora
con grande stupefacente convinzione-forza
come se non li avesse già cantati
centinaia di volte quei brani lì –
noncuranza e determinazione
nella sua voce convivono perfettamente
è questa l’armonia del mondo

La voce di Bob Dylan oggi ottobre 2016

19 Ott

Mi piace di più oggi perché è più bassa
roca, bella, esprime, ti cattura, carismatica la voce
lui anziano?
Ma ci sono i semidei che invecchiano anche loro
ma gli rimane attaccata quell’aura di eccezionalità-
prova a farla tu cantante di talent quella voce –
non la sai fare, non la puoi fare
solo le “belle voci” si possono imitare –
essere inimitabili ecco cos’è quella voce
inimitabile –
e ha detto bene chi ha detto che Dylan è letteratura
anche quando si mette una mano nei capelli –
ma perché la letteratura non è corpo?
O davvero pensiamo a Dante come quello scritto nei libri di scuola?
Come vorrei andare ad un suo concerto…sì- vorrei- vorrei proprio
per la voce…la sua voce
A volte si pensa alla voce come qualcosa che dal corpo va fuori-
no è corpo+anima
lui cos’è? Un essere soprannaturale?
Da dove gli viene quella voce lì?
dalla gola o da qualcosa di divino
che lui ha e noi no?
da dove gli viene quella voce lì?
e non importano le parole –
c’è letteratura senza le parole?
sembra un controsenso- viva i controsensi
quando uno ha così tanto da dire
Non importa capire cosa  dice
le parole, dico
non importa capire le parole, il loro significato
la sua voce parla senza bisogno di capire cosa dice
nel senso del significato
questo significato che è l’ossessione di tutti
ma lui non ha bisogno del significato
è la sua voce il significato
lui non ha bisogno di essere spiegato, tradotto
il sublime non si spiega
neanche il soprannaturale –
è una lezione di spiritualità questo Desert trip 2016 –
ma lui neanche lo sa
ma si può essere un mito anche senza saperlo

I primi re romani di Bob Dylan

18 Ott

(traduzione di Mr.Tambourine e Dean Spencer)

http://www.maggiesfarm.eu/tempestearlyromankingstraduzione.htm

da http://www.maggiesfarm.eu

Solo libri belli

Leggo. È come una malattia. (Agota Kristof)

8th of May

wild cats walk longer

F.L.A.C.O.N.S. 2.0_

Moved to www.sergiomauri.info

la vie en beige

la periferia dello spirito

Versodove

rivista di letteratura

OH!PEN

we produce stories. LA-ROME-NYC

HyperHouse

NeXT Hyper Obscure

gilamagency

giovanni lamanna agenzia letteraria

archiviomauriziospatola

Pubblicazioni ed eventi sulle nuove esperienze poetico-artistiche

sarmizegetusa

un blog di vanni santoni

VITA DA EDITOR

Interviste, recensioni e retroscena dell’editoria – a cura di Giovanni Turi

Cadillac

La famosa rivista letteraria

Seventy Sex

Make love, not war, dicevamo. Lo dico ancora.

L'Ombra delle Parole Rivista Letteraria Internazionale

L'uomo abita l'ombra delle parole, la giostra dell'ombra delle parole. Un "animale metafisico" lo ha definito Albert Caraco: un ente che dà luce al mondo attraverso le parole. Tra la parola e la luce cade l'ombra che le permette di splendere. Il Logos, infatti, è la struttura fondamentale, la lente di ingrandimento con la quale l'uomo legge l'universo.

eleonorabagarotti

I Don't Need To Fight To Prove I'm Right. I Don't Need To Be Forgiven

Reading of Matt. Grunge Poems.

Tra il Bene e il Male, ho scelto Te.

Venerato Maestro Oppure

Il primo blog di Eddy Cilìa