Archive | giugno, 2015

Senza senso story (seconda parte )

30 Giu

Le nubi che sembra il vento –
le nubi
che sembra –
sembra, non è
non so la differenza
la differenza
che non c’è
tra essere le nubi
e sembrare le nubi –
il vento
sembra le nubi il vento
è un titolo bellissimo
per una mia raccolta poetica
che nessuno pubblicherà
ma se dovesse capitare
l’intitolerò
questa raccolta poetica
“Sembra le nubi il vento” –
che è quello di oggi
che sono le 19,05
e mi viene da scrivere così di getto
perché un pò ho meditato
e spesso
meno male
ringraziando Dio
questa, la meditazione
mette in moto la scrittura
le dà un pò d’energia
che prima non c’era

Ringrazio Claudia Cangemi (Quotidiano Il Giorno di oggi) per questa esaustiva e mirata intervista sulla casa editrice.

28 Giu

Mente

19 Giu

Le cose
se non accadono
Nella mente
E’ come non succedessero

Oggi all’hospice

17 Giu

Ci vuole costanza
nell’andarci
nello starci –
per settimane
ti pare
non ti succeda niente

ti senti…
che stai lì
ma solo per preparare il thè, il caffè
e l’essere un pò gentile –
ma emozioni tiepide
quasi niente insomma –
Ma
nella costanza
nell’andare
mese dopo mese
succede come oggi
un caleidoscopio

di emozioni
e sguardi
e parole –
E’ dolore, sì
è sempre dolore
perché siamo qui
dove il dolore si lenisce
ma non si cura –
ma poi
c’è questa esplosione
di emozioni belle
e rapporti umani
e ritrovata umanità –
come fossimo in guerra
( quella della vita vs la morte )
e dentro quella guerra
scoprissimo
la nostra reciproca umanità
e il nostro reciproco essere umani
e non solo gentili
avvicinandoci
e capendoci
come non accade più
fuori di qui –
fuori dalla guerra
nella vita normale –
questo succede
in questo edificio
che chiamiamo hospice
tra la gente che ci vive e ci muore –
difficile comunicare/descrivere
i momenti di vero rapporto umano
che là vivo –
bisogna esserci
oppure io non ne sono capace –
però so
che chi abbandona la speranza
nell’essere umano
sbaglia

C’è un’energia

17 Giu

C’è un’energia
dentro di te
che ti fa sembrar
bellezza le cose –
se non c’è non la vedi

“e così vorresti fare lo scrittore?”. poesia postuma di Charles Bukowski

12 Giu

bellissima e vera, anche se non sempre si riesce a fare come dice Bukowski in questa poesia

Musicaos Editore

se non ti esplode dentro
a dispetto di tutto,
non farlo.
a meno che non ti venga dritto dal
cuore e dalla mente e dalla bocca
e dalle viscere,
non farlo.
se devi startene seduto per ore
a fissare lo schermo del computer
o curvo sulla
macchina da scrivere
alla ricerca delle parole,
non farlo.
se lo fai per soldi o per
fama,
non farlo.
se lo fai perché vuoi
delle donne nel letto,
non farlo.
se devi startene lì a
scrivere e riscrivere,
non farlo.
se è già una fatica il solo pensiero di farlo,
non farlo.
se stai cercando di scrivere come qualcun
altro,
lascia perdere.

se devi aspettare che ti esca come un
ruggito,
allora aspetta pazientemente.

se non ti esce mai come un ruggito,
fai qualcos’altro.
se prima devi leggerlo a tua moglie
o alla tua ragazza o al tuo ragazzo
o ai tuoi genitori o…

View original post 157 altre parole

Qualunque cosa

10 Giu

lettino con fioriQualunque cosa
noi pensiamo sia
non è –
cosa?
tutto

wwayne

Just another WordPress.com site

Solo libri belli

Leggo. È come una malattia. (Agota Kristof)

8th of May

wild cats walk longer

F.L.A.C.O.N.S. 2.0_

Moved to www.sergiomauri.info

la vie en beige

la periferia dello spirito

Versodove

rivista di letteratura

OH!PEN

we produce stories. LA-ROME-NYC

HyperHouse

NeXT Hyper Obscure

gilamagency

giovanni lamanna agenzia letteraria

archiviomauriziospatola

Pubblicazioni ed eventi sulle nuove esperienze poetico-artistiche

sarmizegetusa

un blog di vanni santoni

VITA DA EDITOR

Interviste, recensioni e retroscena dell’editoria – a cura di Giovanni Turi

Cadillac

La famosa rivista letteraria

Seventy Sex

Make love, not war, dicevamo. Lo dico ancora.

L'Ombra delle Parole Rivista Letteraria Internazionale

L'uomo abita l'ombra delle parole, la giostra dell'ombra delle parole. Un "animale metafisico" lo ha definito Albert Caraco: un ente che dà luce al mondo attraverso le parole. Tra la parola e la luce cade l'ombra che le permette di splendere. Il Logos, infatti, è la struttura fondamentale, la lente di ingrandimento con la quale l'uomo legge l'universo.

eleonorabagarotti

I Don't Need To Fight To Prove I'm Right. I Don't Need To Be Forgiven

Reading of Matt. Grunge Poems.

Tra il Bene e il Male, ho scelto Te.