Archivio | improvvisazione di poesia spontanea RSS feed for this section

Sul treno e in città

11 Giu

Dal finestrino del treno
già il biondo del grano
gente al lavoro
due uomini su un terrazzo –
l’aria condizionata mi dà fastidio –
dopo sulla piazzetta
passa gente
studenti perlopiù –
accanto a me
sull’unica panchina
una donna ( forse tedesca )
guarda una mini carta
di certe vie della città
mi sorride, poi va via –
penso sempre
vengo in città a scrivere
ma ora che ci sono
ho poco da dire –
la gente sembra sempre la stessa
una donna troppo grassa
rondini attraversano il sole
le torri antiche incombono

Annunci

Ai margini

26 Mar

Ai margini
sotto
un muretto
di mattoni sbrindellati
che nessuno
guarda
vede
ammira
crescono gli stessi fiori di campo
del grande parco
pieno di risa e giochi.

Una faccia

18 Mar

Una faccia
tra l’assonnato
e l’assassino-
un corpo giovane
alto
ben piantato ma snello-
uno sguardo
1-2-3 secondi
come ci fosse tra noi
un piano, un accordo-
come fossimo lì
gli unici presenti
vigili a guardare
per capirlo il mondo

Parole e baci

8 Feb

Quelli che non ci sono più
che sono morti
oppure ci hanno lasciato
o li abbiamo lasciati noi –
i loro oggetti
mischiati ai nostri
i loro pensieri mischiati ai nostri
le parole, i baci, i corpi –
ora non più

In autobus, la vecchia signora

28 Gen

La bella mano
abbandonata sulla borsa –
la lettura
di un vecchio libro ingiallito
letto mormorando con le labbra-
poi
alza lo sguardo
e mi sorride

Ascoltando l’arpa di Francesco Benozzo che canta Leonard Cohen

21 Gen

Arpa

romantica

struggente

che ti porta

in posti belli

paradisi –

arpa e voce

che ti fa scuotere la testa

battere il tempo

dolce

profondo

dove porta?

“follow me…” –

In Grecia ci porta

su una spiaggia

o un monte

una collina

comunque un sentiero

salire

cercare

non trovare

“come back to the world…” –

un pozzo 

luce in fondo

pareti in mattoni

ci guardo dentro

ho paura

smetto

non lo guardo più

 

(http://www.museibologna.it/archeologico/eventi/47655/id/97277)

E Kerouac cercava Dio ovunque

29 Dic

E Kerouac cercava Dio ovunque
nell’alcool che beveva
e nella figlia identica a lui
che si era rifiutato di riconoscere –
lo cercava nella strada
nelle facce, nei corpi, negli autobus
nelle case, nei campi, nelle industrie
e lungo le ferrovie –
la strada fu il suo sentiero
il suo pellegrinaggio senza santuario
la strada era il suo Mandala
c’era lui, c’era Neal che era la vita in sé
e c’era Dio
che Jack non riuscì mai a vedere

Paolo Ferrucci

Analyst and Writer

libroguerriero

se non brucia un po'... che libro è?

Traduco Canzoni.

Portiamo parole straniere ad orecchie italiane. Un album per ogni post. Qualsiasi genere, anche quelli che non vi piacciono. Tradotti bene eh, mica con Google Translate. Per cercarle c'è un bel link là sopra, che qua non mi fa mettere una ceppa.

Antonio Russo De Vivo

Editor & Consulente editoriale.

Gesù per atei

omelie e riflessioni in tempo di crisi al Santuario del Divino Amore

La poesia e lo spirito

Potrà questa bellezza rovesciare il mondo?

D.O.

Bio: ci sto lavorando

Tuffi

Una rivista che ti porta in profondità

Parla della Russia

I took a speed-reading course and read War and Peace in twenty minutes. It involves Russia.

Remo Bassini

altriappunti

wwayne

Just another WordPress.com site

Giuseppe Genna

scrittore in Milano, Mondo

Solo libri belli

Leggo. È come una malattia. (Agota Kristof)

8th of May

wild cats walk longer

la vie en beige

la periferia dello spirito

Versodove

rivista di letteratura