Tag Archives: improvvisazione

Salvati oppure naviga sulla tua auto verde

27 Mar

Salvati salvati oppure naviga sulla tua auto verde per strade sterrate rosse di collera – sollevati dalla polvere prova uno sbracato sorriso da fonte anonima – santi protettori su un banchetto ti aspettano festanti cadenzati da musica zigana – sembrano giovani texani che raccolgono foglie per farne cuscini e coperte per le fredde serate con i loro cavalli – hai ancora tante pazzie da compiere – ma invece le vuoi perdere nei più sordidi luoghi – che sei vecchio non è neanche vero – prendi le tue pazzie e mettile in enormi lavatrici e poi involati con il pessimismo degli ultimi pensieri – fai suonare le tue conchiglie fatte di miliardi di piccoli esseri aperti di cuore ma senza mente e coscienza – fantasticando su loro niente cambierà in te – l’hai sempre fatto sembrava vita ma era solo fantasia.

Annunci

Le parole dell’anima

22 Mar

Le parole dell’anima
non sono quelle per scrivere
saggi coerenti, corretti
ben argomentati –
con le parole dell’anima
è diverso –
lei detta, tu scrivi
****
tutto quello che scriviamo
è provvisorio
***
la parola letteraria
non dice
evoca

In certi vecchi

2 Giu

In certi vecchi
ci vedi ancora il ragazzo-

come quello 
appena passato in bicicletta
in bermuda e camicia a scacchi

Piccole improvvisazioni alla mostra di Carlo Bononi a Ferrara

1 Gen

San Girolamo Borromeo
la nuvoletta

su cui
l’estasi lo porta
è nera
grigia

fumosa –
più che un’estasi
un offrirsi alla morte

Sibilla
moderno
strano
volti ottusi
ambigui
ci interrogano
sembrano chiedere
ma ci credete?

Giunone
Alza il pollice del piede
come fosse tesa
protesa a qualcosa
in basso
qualcuno che passa
qualcuno da guidare
seguire
a cui insegnare

San Sebastiano (di Guidi Reni)
bello, sensuale, non soffre
sembra godere
guarda in alto
come ad un amante

Angelo Custode
impettito, sicuro di sè
indica la via
come un buddha
illuminato
senza dubbi
e senza dolore

Compianto del Cristo morto
bellezza senza dramma
armonia
dolcezza
amore
senza dolore

 

C’era un uomo

25 Lug

C’era un uomo proprio all’inizio del grande cimitero.
Entravi e lo vedevi.Era giovane, quarant’anni, penso.
Gli era morta la moglie da poco e lui stava lì accanto
alla sua tomba seduto su una sedia bassa di legno e
paglia, tutto il giorno fino a che il cimitero chiudeva.
Non sappiamo nulla di quelli che vediamo una volta,
una volta sola, ma ce li ricordiamo, non sappiamo nulla
di quello che gli è successo dopo negli anni, nei decenni.
Saranno invecchiati, si saranno rassegnati, saranno stati
di nuovo felici. Avranno avuto altre mogli se le hanno perse,
altri figli se li hanno persi. I fratelli no, se ci sono morti
non ce ne saranno dei nuovi.

Scrivendo la mente si svuota ma poi di nuovo di riempie

21 Lug

La mente sì magari si svuota scrivendo – ma poi si riempie di nuovo di ansie e paure di immagini e ricordi -e mi viene in mente il film La gatta sul tetto che scotta il dramma familiare che c’è dentro mi vengono in mente tanti spezzoni lui Paul Newman bellissimo ma più che bellissimo affascinante che ti porta con la mente dove vuole lui e poi mi viene in mente il film L’ultima notte di quiete e Alan Delon bellissimo ma soprattutto che ti porta  con la mente dove vuole lui – l’amore per gli attori si materializzava quando ero ragazzina
con il collezionare le loro foto -erano in bianco e nero e si compravano dal cartolaio con le amiche le guardavamo e sognavamo mi piaceva soprattutto Stewart Granger mi dava una specie di struggimento -buffo a pensarci oggi che hai a portata di clic milioni di immagini -noi invece dovevamo prima di tutto mettere da parte i soldi per andare in cartoleria poi andarci con le amiche scegliere la/le foto che ci piacevano e comprarle -chissà come dicevamo forse “vorremmo comprare delle foto di attori” dovevano essere dentro dei grandi album pieni di foto e noi probabilmente li sfogliavamo con calma e poi sceglievamo e forse dicevamo al cartolaio “prendiamo queste due” –
chissà quanto costavano

 

Pesa poco la morte

24 Mar

Pesa poco la morte –
la tortora
sotto il fitto alloro
la bella siepe odorosa
non pesa
più “niente”

Paolo Ferrucci

Analyst and Writer

libroguerriero

se non brucia un po'... che libro è?

Traduco Canzoni.

Portiamo parole straniere ad orecchie italiane. Un album per ogni post. Qualsiasi genere, anche quelli che non vi piacciono. Tradotti bene eh, mica con Google Translate. Per cercarle c'è un bel link là sopra, che qua non mi fa mettere una ceppa.

Antonio Russo De Vivo

Editor & Consulente editoriale.

Gesù per atei

omelie e riflessioni in tempo di crisi al Santuario del Divino Amore

La poesia e lo spirito

Potrà questa bellezza rovesciare il mondo?

D.O.

Bio: ci sto lavorando

Tuffi

Una rivista che ti porta in profondità

Parla della Russia

I took a speed-reading course and read War and Peace in twenty minutes. It involves Russia.

Remo Bassini

ALTRI APPUNTI

wwayne

Just another WordPress.com site

Giuseppe Genna

scrittore in Milano, Mondo

Solo libri belli

Leggo. È come una malattia. (Agota Kristof)

8th of May

wild cats walk longer

la vie en beige

la periferia dello spirito

Versodove

rivista di letteratura