Archivio | settembre, 2014

Una qualunque cosa

27 Set

Prendi
una qualunque cosa
un granello di sabbia
un piccolo sassolino
che nessuno vuole –
diventerà il tuo mondo

Hospice

26 Set

Ci sono poi
le donne anziane –
sole
nella malattia sole
lo erano anche prima
alle prese
con quel che si rompe
tapparelle, rubinetti
senza più un uomo in casa
che li sappia aggiustare

ora di più
nella malattia
tutto è di più
e peggio –

La casa dei due vecchi

16 Set

Spoglia come ormai solo
le case dei vecchi possono
essere
da fuori almeno –
sc
oloriti i muri
che eran stati gialli
ma tagliato è il prato
c’è quest’ordine mesto
con l’unico filo per i panni stesi
che non sono mai mai più di tre o quattro
lui ora raccoglie
qualche foglia
caduta
dagli alberi rimasti
è lento naturalmente –
qui da vecchi
gli alberi si taglano
non si ha più la forza di un tempo
per potarli –
mi piace questa casa
mi piace questa coppia
di vecchi, lenti
nei gesti e silenziosi –
però le persiane verdi
son sempre chiuse
si fa così a volte
per non sporcare i vetri

11 Settembre

11 Set

Stamattina ho preso una multa
dai vigili del mio paese

ero un pò per questo arrabbiata
poi in macchina alla radio
trasmettevano testimonianze
di gente intrappolata nei due grattacieli
gente che di lì a poco sarebbe morta
e che per telefono salutava
la moglie, il marito, l’amico –
allora la rabbia personale
è sparita da cuore
riempito dalla disperazione
del mondo

Kerouac e la nostalgia

10 Set

In Kerouac c’è l’Eden
ma non la Terra Promessa –
( tutto in lui è passato
l’ appena vissuto
è già nostalgia
non c’è presente
non c’è futuro)

Settembre

5 Set

Come si muove l’aria
tra il granturco maturo –
è un suono strano
che mi fa voltare
un dire secco
personale
umano –
da mettersi in ascolto
e decifrare

Maschere

4 Set

Qualunque maschera ci togliamo –
ad esempio come fa Kerouac –
l’atto stesso di togliercela
diventa un’altra maschera
e così via –
un’altra storia
su di noi che ci raccontiamo

Remo Bassini

ALTRI APPUNTI

wwayne

Just another WordPress.com site

Solo libri belli

Leggo. È come una malattia. (Agota Kristof)

8th of May

wild cats walk longer

F.L.A.C.O.N.S. 2.0_

Moved to www.sergiomauri.info

la vie en beige

la periferia dello spirito

Versodove

rivista di letteratura

OH!PEN

we produce stories. LA-ROME-NYC

HyperHouse

NeXT Hyper Obscure

gilamagency

giovanni lamanna agenzia letteraria

archiviomauriziospatola

Pubblicazioni ed eventi sulle nuove esperienze poetico-artistiche

sarmizegetusa

un blog di vanni santoni

VITA DA EDITOR

Interviste, recensioni e retroscena dell’editoria – a cura di Giovanni Turi

Cadillac

La famosa rivista letteraria

Seventy Sex

Make love, not war, dicevamo. Lo dico ancora.

L'Ombra delle Parole Rivista Letteraria Internazionale

L'uomo abita l'ombra delle parole, la giostra dell'ombra delle parole. Un "animale metafisico" lo ha definito Albert Caraco: un ente che dà luce al mondo attraverso le parole. Tra la parola e la luce cade l'ombra che le permette di splendere. Il Logos, infatti, è la struttura fondamentale, la lente di ingrandimento con la quale l'uomo legge l'universo.

eleonorabagarotti

I Don't Need To Fight To Prove I'm Right. I Don't Need To Be Forgiven