Archivio | dicembre, 2011

Davanti a De Chirico, Due figure mitologiche ( 1927) – Palazzo dei Diamanti di Ferrara

30 Dic

Nel sepolcro
due corpi blu –
nè statue nè figure vive –
cambiano continuamente colore
strisce gialle,
verdi,
sfumature rosse –
un De Chirico psichedelico –

la posa delle gambe, delle braccia
è di corpi in attesa
i visi rivolti
ad un cielo ormai perduto
oltre una porta che sta per chiudersi
per sempre –
il loro ossigeno
sta pe finre
sono gli ultimi respiri
scampoli di vita –
l’oltre di lei
non è il qui di lui

Annunci

Davanti al quadro di Moise Kisling: La rossa

27 Dic

Bocca piccola
storta, rosso fuoco –
in un gesto di diniego
rifiuto, un accenno d’odio –
occhi come laghi
fissi come quelli di un gatto stanco –
esangue nel corpo
occhiaie accennate
ma non troppo

Mattino

24 Dic

Nel grigio del mattino
solo una riga rossa
traversa l’orizzonte –
subito sfuma
verso l’alto sale

C’è anche l’erba brutta

21 Dic

 C’è anche l’erba brutta
quella che nessuno guarda
che nessuno taglia
che nessuno cura
ammira
che non ha attenzioni –
quell’erba vive
lungo muri
di zone industriali
e su marciapiedi
dove nessuno cammina
passeggia
perde il tempo –
anche qui l’erba cresce –
cresce nell’ombra
tagliata da un’insegna al neon
o dalla luce opaca e triste d’un lampione –
diventa secca quell’erba
irrigidita dal freddo
ma più ancora dall’incuria –
poi rinasce di nuovo a primavera
e in se stessa
splende e verdeggia

 

 

il giardino dell’Eden ( dopo aver letto dalla Bibbia, Genesi, capitolo 2° )

20 Dic

Tondo, piccolo, chiuso
ma senza mura
un luogo in sé concluso
senza confini fisici
senza inizio e senza fine
che basta a sé
dove il dentro di me
equivale al fuori di me-
senza desideri, voglie, bisogni-
eterna giovinezza
divinità senza discendenti-
è verde
come il prato che conosco
guardo, scruto, taglio-
dove ci sono angoli
come mondi
petali come universi-
dove ti puoi perdere
e da dove puoi ritornare
a tuo piacimento-
tu sei il padrone di te stesso
e Dio ti è amico

 

A occhi chiusi

20 Dic

A occhi chiusi
mi specchio in me stessa-
se li apro
trovo oggetti, libri, il letto-
e
 tutto di nuovo si confonde

Le 5,59 di un mattino di maggio

20 Dic

Gialla distesa di bruma
è il grano schiacciato di pioggia-
come una steppa
chiazzata di terra bagnata-
come una steppa siberiana
solcata da cavalli e carri-
s’alza una bruma-nebbia
galleggia chiara invernale fredda-
uno spettacolo per chi non dorme-
lontano gracchiano corvi

Parla della Russia

I took a speed-reading course and read War and Peace in twenty minutes. It involves Russia.

libroguerriero

se non brucia un po'... che libro è?

Remo Bassini

ALTRI APPUNTI

wwayne

Just another WordPress.com site

Solo libri belli

Leggo. È come una malattia. (Agota Kristof)

8th of May

wild cats walk longer

F.L.A.C.O.N.S. 2.0_

Moved to www.sergiomauri.info

la vie en beige

la periferia dello spirito

Versodove

rivista di letteratura

OH!PEN

we produce stories. LA-ROME-NYC

HyperHouse

NeXT Hyper Obscure

gilamagency

giovanni lamanna agenzia letteraria

archiviomauriziospatola

Pubblicazioni ed eventi sulle nuove esperienze poetico-artistiche

sarmizegetusa

un blog di vanni santoni

VITA DA EDITOR

Interviste, recensioni e retroscena dell’editoria – a cura di Giovanni Turi

Cadillac

La famosa rivista letteraria

Seventy Sex

Make love, not war, dicevamo. Lo dico ancora.