Giorno di vento

22 Mag

Giorno di vento –
una foglia
diventa 
una lucertola

Annunci

Coppie

19 Mag

Erano in viaggio di nozze.
In auto verso il sud  del paese lui disse:
E’ proprio nei primi giorni del matrimonio che certi capiscono di non essere fatti l’uno per l’altro.
Lei tacque.
Perché lo dice?, pensò tra sé.

Il primo volo

12 Mag

Ho in mano il corpo ancor caldo di vita di un piccolo merlo –
ha sbattuto contro la spessa vetrata –
è caduto dopo un gran tonfo –
gli ho mormorato vai vai credendoci anche –
ci sono momenti in cui  anche l’incredulo crede
se ha tra le mani il corpo ancor caldo
di un piccolo merlo
che ha tentato il suo primo volo dal nido –
anche l’ultimo – così succede –
avrà sentito un secondo o due o tre o quattro
d’aria sul corpo
gli sarà piaciuta-
invece il ronfo

Un mio racconto breve: tradimenti e furti

7 Mag

 

Tradimenti e furti

Dopo la partita di tennis stavamo bevendo qualcosa al bar del circolo. Maria mi fa: “Mio marito mi ha regalato un braccialetto d’oro molto costoso”. ” Ah bello, faccio io, qualche ricorrenza?” “No”, fa lei, “Il motivo è un altro. Ed è stato un vero choc conoscerlo. Il giorno dopo il regalo mi telefona una tipa e mi dice: sono stata l’amante di tuo marito per due anni, ora lui mi ha lasciato. Volevo tu lo sapessi. Ecco il motivo del regalo del braccialetto”. “Una specie di risarcimento”, faccio io. “E ora che farai?”,aggiungo. “Non lo lascio”, mi risponde Maria, “ma non sarà più come prima”. Maria mi piace soprattutto perché ha capelli biondi e lisci, a caschetto, che quando li asciuga dopo che abbiamo fatto la doccia sembra uscita dal parrucchiere. Ho ascoltato volentieri questa sua storia anche per questo. E poi nel raccontarla non sembrava davvero addolorata per il tradimento, ho avuto l’impressione che lo fosse di più per il regalo del braccialetto.
Mentre stiamo per uscire dal circolo ho un’illuminazione. Ho lasciato la mia lacoste bianca nello spogliatoio. Era vuoto quando abbiamo fatto la doccia io e Maria. Ora la lacoste non c’è più. Qualcuno mi ha rubato la mia vecchia maglietta bagnata di sudore e puzzolente. Ecco com’è che va con le persone, ti tradiscono e ti rubano la tua vecchia lacoste.

 

Io gioco per la doccia

3 Mag

 

Per un certo periodo sono stata socia di un circolo del tennis.C’era anche una bella piscina. In quel circolo c’ho passato un sacco di tempo, domeniche, estati, serate. Giocavo a tennis, partecipavo ai tornei. Una volta ho sentito dire a uno: io gioco per la doccia. E’ una frase che non so perché mi è sempre rimasta in testa. Ogni tanto penso c’è gente che gioca per la doccia. Nella mia mente negli anni si è trasformata in una specie di stile di vita o filosofia. Un modo di affrontare la vita. Come dire non mi importa di vincere, io gioco per la doccia. Come dire per dopo. Sì, ma dopo cosa?Cioè la doccia per cosa sta in questa specie di filosofia di vita? Il premio che comunque arriva?

Il teatrino

21 Apr

Era un teatro molto piccolo. Noi avevamo quell’aria da pretendere le cose, che ci fossero dovute, punto e basta. Lui era l’assessore o il consigliere comunale, noi lo trattavamo con sufficienza, gli eravamo superiori, non si sa perché ma pensavamo così. In quegli anni pensavo ancora un sacco di stronzate presuntuose. Però era bello, ci faceva sentire forti, invincibili. Comunque quel teatrino era nostro, se volevamo. Era piccolissimo ma aveva una tribuna a scalinata grande. Ci andammo con un’amica a provare come si sentivano le voci a recitare. Lei che ne sapeva più di noi ci disse che le voci andavano bene fino all’ultima gradinata. Era estate, lei portava sandali scollati con un po’ di tacco. Era già un’attrice che lavorava. Era di passaggio nella nostra città. Poi non lo prendemmo il teatrino. Che stupidi. Averlo oggi.

Per D.

8 Apr

Di te mi ricordo
che abbiamo giocato a tennis
parecchi anni fa –
tu eri più grande di me
di un bel po’
ma vincevi sempre –
il tennis è tremendo con i perdenti –
e poi mi ricordo
che dicevi che eri stato pilota
nell’ultima guerra
ma secondo te
non eri un granché –
e poi di te mi ricordo
che venni a chiederti
della California anni ’60
e tu mi parlasti di Berkley –
ora c’è il tuo libro
a parlarmi di te

 

Traduco Canzoni.

Portiamo parole straniere ad orecchie italiane. Un album per ogni post. Qualsiasi genere, anche quelli che non vi piacciono. Tradotti bene eh, mica con Google Translate. Per cercarle c'è un bel link là sopra, che qua non mi fa mettere una ceppa.

Antonio Russo De Vivo

Editor & Consulente editoriale.

gesuperatei.wordpress.com/

omelie e riflessioni in tempo di crisi al Santuario del Divino Amore

La poesia e lo spirito

Potrà questa bellezza rovesciare il mondo?

D.O.

Bio: ci sto lavorando

Tuffi

Una rivista che ti porta in profondità

Parla della Russia

I took a speed-reading course and read War and Peace in twenty minutes. It involves Russia.

libroguerriero

se non brucia un po'... che libro è?

Remo Bassini

ALTRI APPUNTI

wwayne

Just another WordPress.com site

Solo libri belli

Leggo. È come una malattia. (Agota Kristof)

8th of May

wild cats walk longer

F.L.A.C.O.N.S. 2.0_

Moved to www.sergiomauri.info

la vie en beige

la periferia dello spirito

Versodove

rivista di letteratura