Sul treno e in città

11 Giu

Dal finestrino del treno
già il biondo del grano
gente al lavoro
due uomini su un terrazzo –
l’aria condizionata mi dà fastidio –
dopo sulla piazzetta
passa gente
studenti perlopiù –
accanto a me
sull’unica panchina
una donna ( forse tedesca )
guarda una mini carta
di certe vie della città
mi sorride, poi va via –
penso sempre
vengo in città a scrivere
ma ora che ci sono
ho poco da dire –
la gente sembra sempre la stessa
una donna troppo grassa
rondini attraversano il sole
le torri antiche incombono

Annunci

A volte passo la mattina così

5 Giu

Mi sveglio, vado in bagno
preparo la colazione
mangio
mi stendo sul letto
leggo qua e là
rileggo la mia recensione
vado al computer
la rileggo
me la spedisco
la leggo sullo smartphone
torno al computer
faccio alcune correzioni
spolvero la camera da letto
vado in terrazzo
mi guardo intorno
mi stendo di nuovo sul letto
leggo la recensione corretta sullo smartphone
adesso va bene
torno al computer
la spedisco alla rivista
do l’aspirapolvere in camera.

Nulla è più esteticamente bello del caso

1 Mag

C’è come un’intenzione nel modo in cui a caso
in uno spazio ristretto
si dispongono foglie e fiori
C’è in esso qualcosa di innatamente
poetico
se cambi posizione ad un elemento
lo distruggi
se inavvertitamente
sposti una sola
piccola foglia secca
la magia scompare
e c’è solo la solita realtà.

Allen Ginsberg legge Howl

13 Apr

Ore 18,24 all’improvviso…

8 Apr

Tutto
all’improvviso
mi appare
così lontano
persone
ricordi
parole –
essere in un altro tempo
è essere in un altro cosmo
lontani
più della luna
in un altro cosmo
ho detto

Occhi di lupo

30 Mar

Occhi di lupo
regali potenti
divinità lontane-
bloccano i pensieri
attraggono
di un temerario amore-
in loro
riconosciamo
qualcosa
di un noi lontano

fonte della fotografia: http://www.vegamami.it/

Salvati oppure naviga sulla tua auto verde

27 Mar

Salvati salvati oppure naviga sulla tua auto verde per strade sterrate rosse di collera – sollevati dalla polvere prova uno sbracato sorriso da fonte anonima – santi protettori su un banchetto ti aspettano festanti cadenzati da musica zigana – sembrano giovani texani che raccolgono foglie per farne cuscini e coperte per le fredde serate con i loro cavalli – hai ancora tante pazzie da compiere – ma invece le vuoi perdere nei più sordidi luoghi – che sei vecchio non è neanche vero – prendi le tue pazzie e mettile in enormi lavatrici e poi involati con il pessimismo degli ultimi pensieri – fai suonare le tue conchiglie fatte di miliardi di piccoli esseri aperti di cuore ma senza mente e coscienza – fantasticando su loro niente cambierà in te – l’hai sempre fatto sembrava vita ma era solo fantasia.

Paolo Ferrucci

Analyst and Writer

libroguerriero

se non brucia un po'... che libro è?

Traduco Canzoni.

Portiamo parole straniere ad orecchie italiane. Un album per ogni post. Qualsiasi genere, anche quelli che non vi piacciono. Tradotti bene eh, mica con Google Translate. Per cercarle c'è un bel link là sopra, che qua non mi fa mettere una ceppa.

Antonio Russo De Vivo

Editor & Consulente editoriale.

Gesù per atei

omelie e riflessioni in tempo di crisi al Santuario del Divino Amore

La poesia e lo spirito

Potrà questa bellezza rovesciare il mondo?

D.O.

Bio: ci sto lavorando

Tuffi

Una rivista che ti porta in profondità

Parla della Russia

I took a speed-reading course and read War and Peace in twenty minutes. It involves Russia.

Remo Bassini

altriappunti

wwayne

Just another WordPress.com site

Giuseppe Genna

scrittore in Milano, Mondo

Solo libri belli

Leggo. È come una malattia. (Agota Kristof)

8th of May

wild cats walk longer

la vie en beige

la periferia dello spirito

Versodove

rivista di letteratura