Improvvisazione su Hasta Siempre di Garbarek

21 Nov

Ci sono segreti
che non si dicono
si suonano
ma non si dicono
è più facile suonare
che dire
e così quel cavallo
che immagino bianco

sta lì senza di te
sta lì solo
davanti ai due Buddha di Bamiyan
che non mi racconti
perché l’inizio di questa storia
è troppo misteriosa
e tu, come dici,
preferisci tenerla nel tuo cuore –
e allora io mi tengo il Chè
e lo ballo
e lo sento
nel mio cuore
rosso ma anche bianco  di Buddha

perché se voglio
lì sto
davanti ai due grandi Buddha
insieme  a quel cavallo bianco solitario
di fianco a quel cavallo bianco
sono io il cavallo bianco solitario
davanti ai due Buddha
e tu sei lontano
e non mi racconti
perché l’inizio della tua storia
deve rimanere, come dici,
nel tuo cuore
e così  l’inizio della tua storia orientale
non la saprò –
scrivere è sentire a piccoli passi
di palcoscenico .
quando uno suona il sax come Garbarek
è come Buddha
è già un Buddha

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Remo Bassini

ALTRI APPUNTI

wwayne

Just another WordPress.com site

Solo libri belli

Leggo. È come una malattia. (Agota Kristof)

8th of May

wild cats walk longer

F.L.A.C.O.N.S. 2.0_

Moved to www.sergiomauri.info

la vie en beige

la periferia dello spirito

Versodove

rivista di letteratura

OH!PEN

we produce stories. LA-ROME-NYC

HyperHouse

NeXT Hyper Obscure

gilamagency

giovanni lamanna agenzia letteraria

archiviomauriziospatola

Pubblicazioni ed eventi sulle nuove esperienze poetico-artistiche

sarmizegetusa

un blog di vanni santoni

VITA DA EDITOR

Interviste, recensioni e retroscena dell’editoria – a cura di Giovanni Turi

Cadillac

La famosa rivista letteraria

Seventy Sex

Make love, not war, dicevamo. Lo dico ancora.

L'Ombra delle Parole Rivista Letteraria Internazionale

L'uomo abita l'ombra delle parole, la giostra dell'ombra delle parole. Un "animale metafisico" lo ha definito Albert Caraco: un ente che dà luce al mondo attraverso le parole. Tra la parola e la luce cade l'ombra che le permette di splendere. Il Logos, infatti, è la struttura fondamentale, la lente di ingrandimento con la quale l'uomo legge l'universo.

eleonorabagarotti

I Don't Need To Fight To Prove I'm Right. I Don't Need To Be Forgiven

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: